Piano operativo di sicurezza semplificato

Home » Documento di valutazione rischi ( DVR ) » Piano operativo di sicurezza semplificato

Consulenza per la realizzazione del POS

Richiedi informazioni e preventivi gratuiti e senza impegno.

Nome e Cognome/Azienda (richiesto)

La tua email (richiesto)

Telefono (richiesto)

Settore attività

Cliccando su “Invia” dichiari di accettare le condizioni Privacy

Il DM 9 settembre 2014 include i modelli semplificati per la redazione del Piano Operativo di Sicurezza, del Piano di Sicurezza e Coordinamento, del Fascicolo dell’Opera e del Piano di Sicurezza Sostitutivo. In particolare il modello semplificato del POS è contenuto nell’allegato I ed è composto da una serie di tabelle in cui riportare i dati richiesti.

Qui il testo completo del decreto.

I contenuti del POS

Nel POS , il piano operativo di sicurezza in aggiunta ad altre funzioni per la sicurezza svolte dalle figure indicate si potranno inserire le seguenti figure..

  1. Dirigente (in veste di Direttore tecnico di cantiere): è colui che si assume la responsabilità della gestione tecnica esecutiva dei lavori e della realizzazione del POS (piano operativo sicurezza) il quale al partire dei lavori lo mostrerà e spiegherà al personale dipendente. Nel luoghi di lavoro, in  cantiere , egli  formerà i lavoratori fornendogli tutte le informazioni necessarie per l’ esecuzione dei lavori in totale sicurezza.
  2. Preposto: – è colui che ha la responsabilità di sovrintendere e di vigilare durante l’esecuzione dei lavori in cantiere sull’osservanza da parte dei singoli lavoratori dei loro obblighi, inoltre anche dalle disposizioni che sono previste nel piano operativo e nel piano di sicurezza cantieri (PSC), sull’utilizzo corretto dei DPI (Dispositivi di Protezione Individuale) che sono dati in dotazione e dei mezzi di protezione collettiva.
    • In caso di inosservanza dei suddetti obblighi in modo continuativo, da segnalazione immediata al datore di lavoro o suo superiore.
    • In caso di pericolo grave e immediato richiede ai lavoratori in cantiere l’osservanza delle misure di emergenza e da istruzioni affinché i lavoratori abbandonino il posto di lavoro.
    • Segnala in modo tempestivo al datore di lavoro o dirigente le deficienze dei dispositivi di protezione individuale, delle attrezzature, delle opere provvisionali presenti in cantiere e di ogni altra condizione di pericolo che si verifichi in cantiere.
  3. RSPP: Ha la responsabilità di collaborare con il consulente tecnico e/o progettista del Piano Operativo di sicurezza alla stesura del Piano stesso. Ha la responsabilità di fornire ai lavoratori le informazioni sulle misure di prevenzione e protezione da adottare per la propria sicurezza e salute.
  4. Medico Competente
    • Il medico ha la responsabilità sulla base dei rischi presenti in cantiere e individuati nel POS specifico di effettuare la sorveglianza sanitaria dei lavoratori.
    • Esaminati il Documento di Valutazione dei Rischi d’impresa ed il POS di cantiere, il Medico Competente deve definire un protocollo per mansione in base alle situazioni di rischio specifiche per le quali ricorre l’obbligo e, anche, nei casi in cui la sorveglianza sanitaria si ritenga, comunque opportuna; infine consegnerà al datore di lavoro i giudizi di idoneità alla mansione specifica.
    • Il medico competente ha la responsabilità di organizzare il primo soccorso aziendale.
    • Il medico competente è tenuto a firmare il presente documento per realizzazioni con durata inferiore a 200 giornate lavorative (articolo 104, comma 2, D. Lgs. 81/08 e s.m.i.). Invece, per lavori che si protraggono oltre le 200 giornate lavorative, è obbligatorio che il medico competente visiti i luoghi di lavoro rilasciando il relativo verbale di sopralluogo (ai sensi dell’articolo 25, comma 1, lettera l), D. Lgs. 81/08 e s.m.i).
    • Effettua sopralluoghi conoscitivi negli ambienti di lavoro in presenza del RSPP, del RLS/RLST, del datore di lavoro o del preposto, prendendo visione del PSC e del POS di imprese.
    • Il medico competente si reca almeno una volta nell’arco di un anno nei cantieri in cui sono impiegati i lavoratori cui presta sorveglianza sanitaria.
  5. RLS:
    • Funge da riferimento per la consultazione sul POS.
    • Almeno 10 giorni prima dell’inizio dei lavori deve essere messo a sua disposizione, da parte dell’impresa appaltatrice, il POS.
  6. Dopodiché́ il rappresentante dei lavoratori opera nel seguente modo:
    • Partecipa alla riunione per la presentazione del POS
    • Raccoglie indicazioni e proposte per l’adeguamento del piano, che poi vengono inviate al coordinatore in fase esecutiva dopo essere state verbalizzate
    • Svolge consultazioni sull’adeguatezza dei dispositivi di protezione individuale
    • Collabora con il coordinatore in fase esecutiva attraverso procedure di consultazione predeterminate durante il corso dei lavori
    • Verifica adempimenti sul rumore

Poi, a seconda del PSC e del cantiere, altre funzioni saranno delegate